Torna l’appuntamento con le Giornate FAI d’Autunno, l’evento nazionale organizzato dal Fondo Ambiente Italia per poter riscoprire e innamorarsi della bellezza del nostro bel paese. A Napoli e in Campania ci sarà l’imbarazzo della scelta nel programmare le proprie visite.



Giornate FAI d’Autunno – Annullate le visite in programma il 17 e 18 ottobre 2020, a Napoli, Pozzuoli, Somma Vesuviana e nelle Province di Avellino e Benevento!!!!

Le Giornate FAI d’Autunno 2020 ci propone ben quattro giorni di visite dedicate su due weekend consecutivi : 17 e 18 e poi 24 e 25 ottobre. Un’occasione, anzi 4, per scoprire luoghi ancora poco conosciuti a Napoli e sostenere la missione del FAI.

Ad attendervi ci saranno storiche dimore signorili, castelli, giardini, sedi istituzionali, chiese, complessi conventuali e tanti tesori sconosciuti o riservati agli addetti ai lavori.

Giornate FAI d’Autunno – sabato 17 e domenica 18, sabato 24 e domenica 25 ottobre 2020
Il programma: Clicca qui per scoprire i siti aperti a Napoli e in Campania.

L'Isola di Nisida, Napoli

Per garantire un sereno svolgimento delle Giornate FAI è possibile prenotare la propria visita dedicata sul sito www.giornatefai.it. La prenotazione è fortemente consigliata. Per partecipare non esiste un biglietto ma verrà richiesto un contributo minimo a sostegno delle attività della fondazione.

Sicurezza e protocollo COVID-19: ricordiamo che per accedere alle visite è necessario indossare correttamente la mascherina e igienizzare le mani.

Giornate FAI alcune aperture a Napoli e in Campania

1° week-end di visite

Parco Letterario Isola di Nisida – Napoli – Apertura eccezionale solo domenica 18 per la piccola isola di straordinaria bellezza naturalistica. Sede dell’Istituto Penale Minorile da qualche anno ospita un Parco Letterario e sono stati riaperti alcuni dei suggestivi sentieri.

Complesso monumentale di San Nicola da Tolentino – Napoli – Visite sabato 17 e domenica 18 ottobre con un percorso guidato alla scoperta del complesso secentesco di Corso Vittorio Emanuele. Il percorso contempla anche la visita del giardino di 5mila metri quadri.

Santa Maria del Pozzo, abside della cripta

Convento di Santa Maria del Pozzo – Somma Vesuviana, Napoli – Visite sabato 17 e domenica 18 ottobre a un gioiello architettonico che testimonia ben duemila anni di storia. Occasione unica per scoprire il “pozzo” di epoca romana, la chiesa angioina sotterranea e il chiostro del convento cinquecentesco.

I Chiostri del Paradiso e di San Pietro della Canonica – Amalfi (SA) – Le visite di sabato 17 e domenica 18 ottobre
ci portano alla scoperte delle antiche usanze amalfitane legate al culto dei morti. Scopriremo il Chiostro di San Pietro della Canonica (solitamente chiuso al pubblico perché è parte del Grand Hotel Convento di Amalfi), uno scenografico quadriportico del 1233 affacciato sul mare. Il Chiostro del Paradiso, oggi parte del Duomo di Amalfi, venne realizzato tra il 1266 e il 1268 come cimitero dei nobili della città.

Escursione sul Sentiero dei limoni da Maiori a Minori – Maiori e Minori (SA) – Visite sabato 17 e domenica 18 ottobre.
L’itinerario proposto dalle Giornate FAI, con incredibili panorami della Costiera Amalfitana, attraversa l’antica mulattiera dove un tempo i contadini trasportavano i limoni prodotti nei terrazzamenti. La passeggiata prosegue poi fino al centro di Minori, con la visita alla Congrega del SS. Sacramento, annessa alla Basilica di S. Trofimena.

Tempio di Serapide, Pozzuoli

2° week-end di visite

Macellum / Tempio di Serapide – Pozzuoli (NA) – sabato 24 e domenica 25 ottobre si visita uno dei monumenti più noti e rappresentativi dei Campi Flegrei. L’antico mercato romano (I-II secolo d.C), si trova a pochi passi dalle banchine del porto di Pozzuoli, è stato  riscoperto nella metà del 1700 ai tempi di Carlo III di Borbone. Nei secoli è stato testimone del fenomeno del bradisismo nei Campi Flegrei.

Real Bosco di Capodimonte – Napoli – Visite sabato 24 e domenica 25 ottobre con un percorso a tappe per scoprire questo gioiello botanico tra tra Belvedere, Parco fronte Reggia, Porta di Mezzo con Emiciclo e Giardino Tardobarocco e Giardino Anglocinese.

Villa Campolieto – Ercolano (NA) – Visite sabato 24 e domenica 25 ottobre, di una delle 122 ville vesuviane appartenenti al Miglio d’Oro. Correva l’anno 1755 quando Luzio de Sangro, duca di Casacalenda e principe di Campolieto, diede incarico per la costruzione ” del  più nobile casino” tra le ville del Miglio D’Oro. La Villa appartiene all’Ente per le Ville Vesuviane.