A Marechiaro c’è n‘a fenestella che si affaccia su tutto il golfo di Napoli, di primo acchito niente di speciale, ma quei versi appena sotto il davanzale ci riportano alle parole del poeta partenopeo Salvatore Di Giacomo e alla musica del maestro Francesco Paolo Tosti che ancora oggi richiama forti emozioni.



La leggenda narra che il poeta e scrittore napoletano Salvatore Di Giacomo, vedendo una piccola finestra (‘a fenestella) sul cui davanzale c’era un garofano, ebbe l’ispirazione per quella che poi è diventata una delle più celebri canzoni napoletane: Marechiare. Un componimento d’amore dedicato ad una donna di nome Carolina.

Pare che Di Giacomo, di quei versi, non volesse farne affatto una canzone e che Tosti, per convincerlo, dovette pagargli (un po’ per gioco un po’ per scommessa) la somma di una sterlina d’oro. Per fortuna Di Giacomo si lasciò convincere.

Borgo Marechiaro dal mare

Oggi sulla celebre Fenestrella di Marechiaro c’è sempre un garofano fresco sul davanzale, oltre ad una lapide celebrativa in marmo bianco a forma di carta con una parte dello spartito della canzone, che ancora oggi possiamo vedere, è stata scoperta nel lontano 1922, al sorgere della luna.

Marechiaro, un piccolo borgo di pescatori dove il tempo sembra essersi fermato, con il rumore delle onde del mare, l’azzurro del cielo e il suo splendido panorama che abbraccia il golfo di Napoli dal Vesuvio, fino ad arrivare alla penisola sorrentina e all’isola di Capri che compare esattamente di fronte alla tipica spiaggetta del borgo.

Panorama di Marechiaro di Notte

Di giorno è bello, ma la sera, illuminato, lo è ancor di più. Il Borgo Marinari di Napoli è la location perfetta per una cenetta romantica con un bel tavolo vista mare.

A Marechiare

Musica di Paolo Tosti, testo di Salvatore di Giacomo, 1886

Quanno spónta la luna a Marechiare,
pure li pisce nce fanno a ll’ammore…
Se revòtano ll’onne de lu mare:
pe’ la priézza cágnano culore…

Quanno sponta la luna a Marechiare.

A Marechiare ce sta na fenesta:
la passiona mia ce tuzzuléa…
Nu garofano addora ‘int’a na testa,
passa ll’acqua pe’ sotto e murmuléa…

A Marechiare ce sta na fenesta….

Chi dice ca li stelle só’ lucente,
nun sape st’uocchie ca tu tiene ‘nfronte!
Sti ddoje stelle li ssaccio i’ sulamente:
dint’a lu core ne tengo li ppónte…

Chi dice ca li stelle só’ lucente?

Scétate, Carulí’, ca ll’aria è doce…
quanno maje tantu tiempo aggi’aspettato?!
P’accumpagná li suone cu la voce,
stasera na chitarra aggio purtato…

Scétate, Carulí’, ca ll’aria è doce!…

Grazie alla popolarità della canzone, il borgo di Marechiaro è divenuto da subito la meta preferita degli innamorati per giurarsi amore eterno al sorgere della luna sul bellissimo specchio d’acqua che guarda la finestra.