Sono tantissimi i posti dove correre a Napoli, c’è sicuramente un parco o un percorso running che fa per voi godendo contemporaneamente della vista sul Golfo e di paesaggi unici. Moltissime zone del capoluogo campano, infatti, sono scelte per praticare esercizio fisico, trasformandosi in vere e proprie palestre a cielo aperto.



Correre è sempre stato uno degli sport più semplici da praticare, e molti sono gli effetti benefici sulla persona: fa perdere peso, aiuta il metabolismo e il tono muscolare, dando una chiara sensazione di benessere perché ci mette di buonumore.

Il luogo preferito da noi napoletani? Indubbiamente il lungomare di Via Caracciolo. Un percorso di 3,8km circa che parte da Mergellina e arriva a Piazza Vittoria, fiancheggiando la Villa Comunale e la Riviera di Chiaia. Correre con il vento che ti sfiora i capelli, la brezza marina, il Golfo di Napoli da una parte e la città dall’altra … è pura magia!

Nel periodo estivo sicuramente è molto piacevole fare jogging nel tardo pomeriggio dove sarà possibile ammirare gli splendidi colori del tramonto che si riflettono su tutto il panorama della città. Dopo la corsa è possibile fare stretching sui prati della Villa Comunale.

Pontile Nord, Bagnoli

Un altro luogo dove andare fare Jogging a Napoli è il pontile Nord di Bagnoli. Ci troviamo a Bagnoli nell’ex complesso industriale dell’Italsider, qui uno dei pontili, quello più a nord, è stato riqualificato diventando punto di ritrovo per molti corridori della domenica. La passeggiata è mozzafiato: novecento metri di camminata sul mare, dalla riva al centro della piccola baia che guarda su Nisida, Pozzuoli e Baia, fino a Capo Miseno. Nelle giornate particolarmente terse si può scorgere il castello aragonese di Baia e il profilo di Ischia sullo sfondo.

La parte finale, L’isola, è caratterizzata da un ponticello che la collega al pontile vero e proprio e da una rosa dei venti che indica alcune località che si incontrerebbero ipotizzando un viaggio virtuale verso le direzioni della bussola.

Oltre a fare jogging è possibile svolgere anche altre attività come passeggiare, leggere un libro o semplicemente prendere un po’ di sole stando seduti praticamente in mezzo al mare.

Come arrivarci:
Metropolitana linea 2: scendere alla fermata Bagnoli
Da piazzale Tecchio: autobus C1, scendere in Via Cordoglio
Il pontile apre alle 7:00 e chiude alle 24:00 in estate e alle 21:00 in inverno.

Parchi e Giardini di Napoli: Il Virgiliano

Tra i posti dove correre a Napoli c’è anche il Parco Virgiliano, uno dei punti più belli di Napoli! Il Parco panoramico, detto anche “parco della Rimembranza”, sorge sulla collina di Posillipo a picco sul mare ed è uno dei punti più belli e suggestivi di Napoli. I panorami che dai vari angoli del parco si possono ammirare sono letteralmente mozzafiato: il golfo di Napoli e quello di Pozzuoli, il Vesuvio, Sorrento, Capri, Nisida, Bagnoli, Capo Miseno, Procida e Ischia ed il centro storico di Napoli.

Il parco Virgiliano offre un luogo molto tranquillo per correre sia sulla superficie pubblica, sia in pista. Per poter accedere alla pista di atletica è necessario tesserarsi ad un circolo sportivo, mentre il suolo pubblico è sempre accessibile ma presenta l’inconveniente della superficie in tufo, non tra le più amate dai runners, ma comunque molto frequentata.

Come arrivarci:
Da piazzetta dei leoni a Mergellina prendere: il 140 o il C21
Il parco apre alle 07:30 e chiude alle 24:00 in estate e alle 19:30 in inverno.

Correre a Napoli: Bosco Capodimonte, Napoli

Un altro luogo unico è, sicuramente, il Bosco di Capodimonte. Si tratta senza dubbio del punto di verde pubblico più considerato a Napoli dagli amanti della corsa visto che è ideale sia d’estate che d’inverno grazie ai suoi lunghi viali alberati e i 134 ettari di verde. La corsa ha inizio dal Vialone del Gigante (dal cancello interno alla statua) per una lunghezza di circa 1,4 km, ma è possibile addentrarsi all’interno del bosco seguendo i sentieri che lo circondano. Ma una corsa nel bosco di Capodimonte riserva anche alcune sorprese: tra gli alberi, di tanto in tanto, spuntano edifici importanti, come l’antica sede della fabbrica di porcellane, il Casino della Regina e l’Eremo dei Cappuccini.

Originariamente era la riserva di caccia del palazzo reale di Capodimonte. Da qualsiasi porta si entri (porta grande o porta piccola) si trovano grandi viali che consentono di raggiungere comodamente il palazzo reale eretto nel 1700 ed iniziare il proprio percorso di jogging.

Come arrivarci:
Dal Museo Archeologico parte il C63 che porta all’ingresso principale del Museo di Capodimonte
Il parco apre alle 9 e chiude alle 20:30 in estate e alle 19:00 in inverno.