Domenica 17 gennaio Napoli celebra la Giornata mondiale della pizza, il piatto simbolo della gastronomia italiana nel mondo. La data scelta coincide con la celebrazione di Sant’Antonio Abate, il santo protettore del fuoco, dei Pizzaioli e dei fornai.

In programma pizze per i meno fortunati e la tradizionale accensione del focarone.



La giornata è stata istituita nel 2017, quando la pizza ha ricevuto il titolo ufficiale del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dal Comitato UNESCO per la Protezione Culturale Immateriale.

Per domani, Domenica 17 Gennaio 2021, l’Associazione Pizzaiuoli Napoletani ha organizzato l’evento La pizza del cuore.

Un’iniziativa che vuole anche essere di sostegno a chi sta subendo più di altri le conseguenze economiche del delicato periodo storico che stiamo affrontando.

La Pizza a Napoli

Per l’occasione i pizzaioli prepareranno le pizze per alcune associazioni di volontariato e di carità che fanno capo ai frati francescani. Le pizze saranno poi consegnate ai poveri e bisognosi in vari punti della città di Napoli. Alla consegna collaboreranno i rider della piattaforma Panaroo App.

Gli appuntamenti di Domenica 17 gennaio 2021

Quest’anno a causa dell’emergenza sanitaria da Coronavirus, molti eventi non potranno avere luogo. Di seguito il programma light della Giornata mondiale della pizza 2021

  • 10.30 – Santa Messa per i pizzaiuoli nella Basilica di Santa Chiara dove è stato installato un presepe fatto quasi interamente con l’impasto della pizza napoletana,
  • 11.00 – Consegna delle statuine raffiguranti pizzaiuoli dell’Apn a coloro che hanno contribuito a realizzare il Praesepium,
  • 17.00 – Presso sede Apn (Napoli – via Michele Parise) preparazione di 300 pizze da destinare alle fasce fragili della popolazione,
  • 19.00 – Accensione del focarone.

Per informazioni: 347.4602392 – apn.comunicazione@gmail.com – Facebook Apn, l’Associazione Pizzaiuoli Napoletani

Festa di Sant’Antonio

Il 17 gennaio di ogni anno Napoli festeggia O Cippo ‘e Sant’Antuono; un suggestivo rito che vede molti cittadini scongiurare la cattiva sorte attraverso l’accensione di piccoli falò (Fucarazze ‘e Sant’Antuono).

Un rito intramontabile in onore di Sant’Antonio Abate; un santo in grado di spegnere le forze del male ma anche un modo per salutare l’anno concluso e dare il benvenuto all’anno nuovo.