La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte col vestito alla romana: Viva viva la Befana! Torna ogni anno la Festa della Epifania che nella saggezza popolare tutte le feste porta via.

L’Epifania è una ricorrenza in cui si celebra la visita da parte dei Magi a Gesù Bambino. Ma è anche la festa in cui la Befana porta dolciumi e caramelle a tutti bambini.



Tutti conoscono la vecchietta che nella notte tra il 5 e il 6 gennaio fa visita ai bambini riempiendo le calze, appese all’albero dai bambini in questa notte. I quali, se sono stati buoni, vengono premiati con caramelle e dolci vari. Se invece sono stati cattivi, si ritroveranno le calze piene di carbone. E se poi Babbo Natale si fosse dimenticato di qualche giocattolo, la Befana, sua scrupolosa aiutante, potrà rimediare portando ai bimbi delle super calze.

La Befana a Napoli

Per la Festa della Befana sono davvero tanti gli appuntamenti, sia per i più piccoli che per gli adulti, organizzati nelle piazze e nei luoghi più famosi e caratteristici di Napoli.

Come da consuetudine, la Festa della Befana a Napoli passa per Piazza Mercato, una delle piazze più belle e antiche di Napoli che in passato ha fatto da scenario a sanguinosi eventi della storia di Napoli, dalla decapitazione di Corradino di Svevia a Luigia Sanfelice, passando per Masaniello.

Qui dal tramonto del 5 e fino all’alba del 6 gennaio la piazza si trasforma in un coloratissimo mercatino con dolci e giocattoli che finiranno nelle calze di grandi e piccini, ma anche con bancarelle che offrono le tipiche specialità napoletane, dalla trippa alla pizza fritta.

La festa si sposta poi in Piazza del Plebiscito, senza dubbio la piazza più nota di Napoli, ma anche la più grande e la più rappresentativa. Ogni anno il 6 gennaio, dalle 10 alle 13, la piazza diventa un parco giochi a cielo aperto con attività ludiche, la fanfara dei vigili del fuoco, dolci, e ovviamente, la Befana che lancerà dall’alto caramelle per tutti i bambini.

Altro appuntamento in occasione dell’Epifania è quello della Città della Scienza che regala tanto divertimento ed attività per i più piccoli tra scienza divertimento.

La Befana, storia e origini

Befana o Epifania? Re Magi o vecchietta? Tra leggenda e racconto biblico, ecco qual’è il significato della festa dell’epifania e le origini del 6 gennaio.

Una festa dalle origini pagane, secondo i romani la dodicesima notte dopo il solstizio invernale, si celebrava la morte e la rinascita della natura, e in quell’occasione una figura femminile volava sui campi coltivati, distribuendo semi e gemme, per propiziare la fertilità dei futuri raccolti. Nel Medioevo la Befana assunse le sembianze di una strega, anche se benevola.

Incorporata nel tempo nella tradizione cristiana, la Befana altro non è che una storpiatura di Epifania, una festa che coincidere con l’arrivo a Betlemme dei re Magi Gaspare, Melchiorre e Baldassarre che portarono in dono oro, incenso e mirra al bambino Gesù. L’episodio è narrato nel Vangelo secondo Matteo.

I re magi nel presepe

La leggenda vuole che nel loro cammino, i Re Magi, diretti a Betlemme, non potendo trovare la strada giusta, si rivolsero ad una donna anziana e tentarono di convincerla ad andare con loro per far visita a Gesù. La vecchia rifiutò, ma poi se ne pentì, e dopo aver preparato un cesto di dolci, uscì di casa e si mise a cercarli. A ogni porta cui bussava nella sua ricerca, donava dei dolci ai bambini incontrati nella speranza che uno di loro fosse quello che cercava. E da allora gira il mondo nella notte dell’Epifania regalando dolcetti a tutti i bambini.