Il più grande planetario 3D d’Italia, ed uno dei più grandi d’Europa, apre alla Città della Scienza di Napoli.

La notizia è ormai ufficiale, il 19 marzo 2017 sarà inaugurato a Napoli il nuovo Planetario 3D della Città della Scienza, una straordinaria struttura che riproduce fedelmente la volta celeste e gli oggetti astronomici che popolano l’universo.

Il planetario è costituito da un sistema di proiezione digitale di ultimissima generazione, il Digistar 6 della Evans & Sutherland. Con una cupola del diametro di circa 20 mt e 130 posti disponibili questa nuova grande struttura segna un altro grande traguardo nella ricostruzione di Città della Scienza. Nel Planetario 3D sarà possibile anche visionare filmati prodotti in collaborazione di centri di ricerca come NASA, ESA, ASI, ESO.

Città della Scienza, Napoli

Ma le novità non finiscono qui. Sempre a marzo, infatti, verrà inaugurato “CORPOREA – in viaggio nel corpo umano”, il primo museo interattivo italiano dedicato ai temi della salute, delle scienze e tecnologie biomedicali.

L’inaugurazione, a tre anni dall’incendio che ne distrusse il Museo, e l’apertura del Planetario avvia il rilancio delle attività espositive e della ricostruzione dello Science Center.

La Fondazione Idis – Città della Scienza nata oltre un quarto di secolo fa per iniziativa di scienziati, uomini di cultura, istituzioni pubbliche e private, è molto più del suo museo: è anche un centro congressi, un centro di studi e un incubatore d’imprese.

Situata all’interno di una vecchia fabbrica, recuperata con elegante operazione di archeologia industriale, la Città della Scienza occupa una porzione dell’area ex-industriale di Bagnoli e affaccia sul golfo di Napoli, sotto la collina di Posillipo, tra Nisida e Bagnoli.

Planetario 3D, informazioni sull’evento

Dove: Via Coroglio 104, Napoli, Campania, Italia
Quando: da Domenica, 19 Mar 2017 08:30 – 17:00
Come arrivare: Metropolitana Linea 2, stazione Cavalleggeri Aosta, poi autobus C1, fermata Coroglio – Città della Scienza
Linea Cumana, stazione Bagnoli, poi autobus C1, fermata Coroglio – Città della Scienza.