Se vuoi rimanere a bocca aperta, non perdere la street art del centro storico di Napoli, girando tra i vicoli e vicarielli della città è facile imbattersi in murales davvero sorprendenti dedicati a grandi artisti che hanno reso Napoli celebre nel mondo.



Gran parte delle pareti dei Quartieri Spagnoli sono state affidate, infatti, a writers anche piuttosto famosi, trasformando intere facciate di palazzi in veri e propri capolavori da ammirare e fotografare.

Maradona - Street Art nei Quartieri Spagnoli

Sono nati in questo modo i ritratti di Maradona (restaurata da Salvatore Iodice), Bud Spencer (realizzata in legno dallo scultore Mario Schiano) e quello della Dea Iside, ispirata alla Pudicitia del Corradini, mentre in via San Liborio, è stato possibile ammirare anche il volto della bellissima Sophia Loren nei panni dell’indimenticabile Filumena Marturano.

Vico totò, quartieri spagnoli

Con l’intento di rende il quartiere ancora più bello e affascinante sulle pareti di via Porta carrese a Montecalvario, la traversa che da via Toledo si inerpica nel dedalo dei Quartieri Spagnoli, hanno recentemente preso dimora stabile murales, manifesti e foto del Principe Antonio de Curtis in arte Totò, ma non solo.

Street Art nei Quartieri Spagnoli – per l’occasione tanti artisti di strada sono stati convocati dall’associazione culturale Onlus VivaNapoli con l’appoggio di Quartieri Spagnoli Official.

Lungo il Vico Totò il principe della risata è stato immortalato in varie pose come Totò sul corpo di Superman (l’ultimo arrivato di Luca Carnevale), il Totò donna di Ozon, da uno dei suoi più esilaranti travestimenti cinematografici (quello di “Lola” in Totòtruffa 62) e un Totò Sold Out, il cui volto è riempito dalle locandine di tutti i suoi film di maggior successo e che i napoletani veraci sanno a memoria, battuta per battuta.

quartieri spagnoli - Totò street art

Senza dimenticare Nino Taranto flash gordon e Peppino Batman, c’è chi addirittura ha realizzato, approfittando di una bottega in disuso, una finta una tipografia “Lo Turco”, esponendo sulla saracinesca abbassata foto delle scene più divertenti del film “La banda degli onesti”.