La Real Casina di Caccia di Persano, residenza borbonica del Regno di Napoli poco distante dalle rovine archeologiche di Paestum, apre le sue porte e si lascia (occasionalmente) visitare.

La Tenuta, nata come luogo di svago della famiglia reale e della corte napoletana, è legata al origine della real razza governativa del cavallo di Persano. Una selezione formata da cavalli da sella con particolare attitudine alla caccia che ancora oggi è sinonimo di prestigio e purezza.



Grazie alla tenacia di Alduino di Ventimiglia di Monteforte e al sostegno di alcuni amici dell’equitazione di tradizione italiana i cavalli di Persano sono oggi allevati e mostrati nella Reggia borbonica di Carditello.

Real Casina di Caccia di Persano, Serre

Real Casina di Caccia di Persano – La Storia

L’edificio nasce nel 1752 per volere di Carlo di Borbone in una zona ricca di boschi e selvaggina. Il progetto, che porta la firma dell’ingegnere militare Giovanni Domenico Piana, fu rivisitato poi da Luigi Vanvitelli nel 1753.

L’edificio e la relativa riserva di caccia sono state trasformate in un’area militare. E’ oggi sede del X Reggimento di Manovra, Battaglione Logistico afferente all’VIII Brigata Meccanizzata Garibaldi.

Pare che Carlo di Borbone scopri questo luogo nel 1735, durante il viaggio effettuato via terra verso Palermo dove doveva essere incoronato re di Sicilia. Ferdinando Borbone (figlio di Carlo) e la sua corte vi dimoravano abitualmente nel periodo invernale in concomitanza con la grande caccia al cinghiale.

Oltre ai reali di Casa Borbone e di Casa Savoia, la Casina di Persano ha ospitato personaggi famosi quali Goethe, lo Zar di tutte le Russie, il Metternich e il pittore di corte Hackert che ha qui ambientato il ciclo pittorico delle quattro stagioni.

L’edificio, con una simmetrica pianta quadrata, porta chiari segni di stile sanfeliciano e si sviluppa su due livelli e quattro originali torri ottagonali. Su di un lato dell’atrio di ingresso si trova l’ampio scalone di rappresentanza in marmo rosso terminante con una statua in marmo raffigurante un cane da guardia, attribuito a Antonio Canova. Le sale interne hanno ricchi stucchi in stile rococò.

Real Casina di Caccia di Persano, scultura

Attraverso le Scale delle Torrette, ardite scale a chiocciola non sostenute da pilastri, si accede al tetto, da cui si ha una visuale completa di Persano.

Il sito è immerso in un vero paradiso naturalistico considerato Zona di Protezione Speciale. Circa 110 ettari dove oltre ad un’animale in via di estinzione quale la lontra, sono presenti mammiferi ed uccelli pregiatissimi.

Tour super esclusivo alla Reggia di Persano

In occasione particolari le porte della Casina di Persano si aprono al pubblico. I percorsi di visita sono realizzati dal Associazione ONLUS Siti Reali in collaborazione con l’Associazione ONLUS Persano nel Cuore e grazie alla disponibilità dei Comandi Militari del Comprensorio di Persano.

Prossimo appuntamento – Sabato 26 ottobre 2019

Quota di partecipazione: Soci Royal Card e minori 18 anni € 35,00, non Soci € 40,00
Il tour comprende servizio transfer da e per Napoli, pranzo, ingressi, visita guidata, assicurazione. La prenotazione è obbligatoria al Tel.: 389.1034905 – e-mail booking@sitireali.it
Appuntamento: in p.zza Museo ore 9:00, via Galileo Ferraris (presso Hotel Ramada) ore 9:15. Il rientro è previsto alle ore 18:00 circa.

Real Casina di Caccia di Persano e Oasi WWF -Via Tenuta Reale 11 84028 Serre (Sa)