La ceramica di Vietri sul Mare, una delle eccellenza campane riconosciute in tutto il mondo, sono il souvenir perfetto chi visita Napoli e la Costiera Amalfitana. L’artigianato ceramico è stato sempre uno degli elementi trainanti dell’economia vietrese, grazie sopratutto alla felice posizione sul mare. Da secoli generazioni di artigiani ed artisti hanno dato corpo alla loro fantasia creativa.



La ceramica artistica vietrese è presente ovunque, la si trova infatti presso le botteghe dei maestri ceramisti ma anche ad ogni angolo della città, nelle mura delle case e fino alla Chiesa di San Giovanni Battista, caratterizzato dalla famosa cupola completamente rivestita di ceramiche colorate.

Ceramica Artistica Vietrese

Il più classico asinello, le grandi piastrelle da rivestimento, ma anche piatti, bicchieri da limoncello, anfore, soprammobili, cola-mozzarelle, spugna biscotti,… la scelta è quasi infinita e ogni bottega si distingue per stile e scelta di decori.

La materia prima di questi piccoli capolavori è la pregiata argilla proveniente dalla zona salernitana, lavorata a mano e poi cotta in enormi forni che arrivano alle temperature più alte, per poi essere smaltati e infine decorati. Il giallo e il blu, i limoni e i grappoli d’uva si ritrovano nelle vivaci decorazioni della ceramica di Vietri.

Da secoli generazioni di artigiani ed artisti hanno dato corpo alla loro fantasia creativa, le prime testimonianze risalgono al lontano XIV, quando nelle numerose fabbriche di ceramica, dette faenzere, sotto la protezione di Santo Antuono, sfornavano  piatti, giarre e boccali. Tra l’Ottocento e il Novecento, attraverso alterne vicende, la produzione artigianale della ceramica vietrese è diventata un vero e proprio brand di qualità.

Ceramiche di Vietri sul mare

All’ingresso del paese oltre alla Sirena interamente fatta di ceramica, ci si imbatte nel Palazzo della Ceramica Artistica Solimene, una fabbrica progettata dall’architetto torinese Paolo Soleri nel 1954, e la Villa Comunale interamente arredata con bellissime ceramiche.

Ma per conoscere meglio la storia vi consiglio di visitare il museo provinciale della ceramica a Raito presso la stupenda Villa Guariglia. Inaugurato nel 1981, il museo espone numerosi elementi della collezione Guariglia, nonché diverse donazioni di privati.