Napoli cela tantissimi segreti e anche la sua area sotterranea custodisce importanti testimonianze del passato. Non tutti sanno che il borgo dei Vergini alla Sanità conserva il sito archeologico dell’ Acquedotto Augusteo del Serino, un’infrastruttura di epoca romana che attraversa la Sanità prima di alimentare l’antica Neapolis. Si tratta della più importante opera idraulica realizzata nel bacino del Mediterraneo in età romana.



L’acquedotto, costruito nel 10 dC sotto Ottaviano Augusto, per ben 96 chilometri partiva dalla sorgente del Serino, nell’alta irpinia e raggiungeva la Piscina Mirabilis, a Capo Miseno nei Campi Flegrei servendo varie località e ad altri grandi agglomerati urbanizzati tra cui Pompei, Ercolano, Nola, Atella e naturalmente Napoli

Napoli non smette mai di stupire e si diverte a svelare i suoi segreti scegliendo ogni volta un modo diverso per mostrarceli.

Acquedotto del Serino alla Sanita Napoli

La storia di questa scoperta eccezionale, fatta per puro caso nei locali sotterranei del Palazzo Peschici-Maresca in via Arena Sanità, inizia nel 2011 quando furono scoperti due tratti affiancati dell’antico acquedotto del Serino con una interessante successione di pilastri ed arcate in laterizi e tufo su cui poggiano le fondamenta del palazzo.

Altro importantissimo rinvenimento lo si deve all’Associazione Celanapoli di Carlo Leggieri i cui archeologi, dopo aver liberato dai detriti una scalinata che portava a un ex ricovero, hanno scoperto uno dei tratti in galleria più lunghi e meglio conservati ritrovati a Napoli. L’ingresso è in un cortile privato di vico Tessitori, una stradina in zona Miracoli. Il tratto dell’opera, ritrovato a circa 20 metri sotto l’attuale manto stradale, è lungo almeno 220 metri presenta 7 pozzi di aerazione.

Acquedotto del Serino alla Sanita Napoli

Probabilmente questi stessi cunicoli furono usati nel 536 d. C. dai soldati bizantini del generale Belisario per riconquistare Napoli che in quel periodo era occupata dai Goti. Settanta anni fa questo acquedotto fu poi usato per proteggere gli abitanti dai terribili bombardamenti alleati. A Napoli i resti dell’antico Acquedotto Augusteo del Serino sono visibili anche ai Ponti Rossi.

L’associazione VerginiSanità ha anche organizzato, con successo, diversi eventi culturali come Underneath the Arches, un programma di arte contemporanea.

Le visite guidate

E’ possibile scoprire il magnifico Acquedotto Augusteo grazie a delle visite guidate organizzate dalle Associazioni VerginiSanità, Celanapoli e Riformisti nel Mezzogiorno, nell’ambito del Progetto Integrato “Oltre le Mura”.

La visita al sito è preceduta da un inquadramento storico-archeologico dell’Acquedotto Augusteo e del contesto urbano del Borgo dei Vergini.

Le visite sono previste tutti i fine settimana e durano circa 2 ore e richiedono un contributo per organizzazione evento di 5,00 euro.

Indirizzo: Via Arena della Sanità, 5, Napoli, 80137
Info e prenotazioni Sms e WhatsApp : 3407031630 – Email: associazioneverginisanita@gmail.com