A Napoli la chiesa e il monastero di Santa Maria di Gerusalemme, conosciuti con il nome di monastero delle Trentatrè, si svelano ai nostri occhi come un luogo di straordinaria bellezza, tra arte, storia e carità cristiana.



Il complesso monastico delle Trentarè, cittadella di clausura del centro antico di Napoli, si trova in via Pisanelli 8 fra i vicoletti del Decumano Superiore, nei pressi della collinetta di Caponapoli, l’Acropoli della Napoli greco-romana.

L’ordine monacale deve la sua fondazione ad opera della Madre Maria Lorenza Longo, già fondatrice dell’Ospedale degli Incurabili, che sulla scia evangelica di Santa Chiara, e su volontà del Papa Paolo III approvò per la prima volta l’ammissione al convento delle suore senza dote, era il 19 febbraio del 1535.

Il complesso monastico, dopo 5 secoli di ininterrotta attività di assistenza, ospita ancora oggi le monache cappuccine di clausura che continuano ciò che Lorenza Longo aveva insegnato nei secoli addietro: aiutare le famiglie bisognose e tutti coloro che ricercano conforto spirituale e materiale. Vivono grazie ad offerte e alla generosità dei commercianti del posto in quanto sono ancora legate alla prima regola di povertà.

Monastero delle Trentatrè Napoli 2

Il monastero delle trentatré, che si caratterizza per un arredo estremamente semplice ed umile, conserva affreschi e dipinti di notevole bellezza, gli unici inquilini che da oltre cinquecento anni tengono buona compagnia alle simpatiche suore.

Sull’altare maggiore c’è una tavola del XVI secolo raffigurante la Presentazione di Gesù al Tempio e nell’ingresso del monastero sono visibili molti affreschi ad opera di Andrea Malinconico

Il complesso si compone di una chiesetta ad una navata con uno splendido altare in legno di noce ricco di intagli dorati e un pavimento maiolicato risalente al XVII secolo, la zona della clausura e un antico orto. Di notevole pregio è l’ex Refettorio monastico e la splendida cucina con focolari maiolicati dove venivano preparate le specialità delle clarisse.

All’interno è presente la tomba della Venerabile Maria Lorenza Longo, il cui processo di beatificazione è in corso dall’Ottocento.

Bambinello di cera Monastero delle 33

Una curiosità: tutt’oggi le monache clarisse delle trentatré creano dei bambinelli in cera, una lunga tradizione che dal 1700 portano avanti. Le suore li costruiscono ancora fondendo la cera con il fornelletto a carbonella (pare che mantiene meglio la temperatura), poi li rifiniscono e li colorano a mano.

Durante l’anno, in via del tutto eccezionale, ci sono delle visite guidate, un’occasione unica non solo per ammirare prestigiose opere d’arte ma anche per avvicinarsi alla misteriosa ed affascinante realtà delle vita monacale.

Natale delle Trentatrè – la Onlus l’Atrio delle Trentatre organizza a dicembre 2018 una serie di iniziative che ci permetteranno  di conoscere parte del Monastero. Informazioni e prenotazioni: 328/6690842 e 081/299963

Natale 2018 – eventi al Monastero di Clausura

  • 8 & 9 dicembre ore 10,00 – Mostra artigianato delle Trentatré
  • 15 dicembre ore 19,00 – Serata ArteSalvArte, concerto per violino e pianoforte nell’Antico Refettorio.
  • 21 dicembre ore 17,30 – Vespri e transito della Ven. Maria Lorenza Longo nell’Antico Refettorio e a seguire brindisi di auguri di Natale con l’associazione L’Atrio delle Trentatré onlus con sorteggio finale di 3 premi.