Con l’arrivo della bella stagione tornano le Giornate FAI di Primavera, storica manifestazione organizzata dal Fondo per l’Ambiente Italiano. Quest’anno l’appuntamento è per il 25 e 26 marzo 2017.

Da 25 anni ogni Primavera il FAI organizza due giorni di visite guidate gratuite alla scoperta dei tantissimi luoghi da conoscere e amare. Un grande spettacolo di arte e bellezza dedicato a tutti coloro che hanno a cuore il patrimonio culturale e ambientale.

A Napoli e provincia l’elenco delle aperture è molto vario, per l’occasione saranno  visibili luoghi nascosti o difficilmente accessibili: chiese, ville, borghi, palazzi, aree archeologiche, castelli, giardini e archivi musicali.

Come di consueto sarà aperta Villa Rosebery con la possibilità di visitare la Palazzina Borbonica e il suo grande parco. Nota ai più come residenza del Presidente della Repubblica in Campania, la villa è un monumentale complesso neoclassico che si affaccia sul mare di Napoli dalla collina di Posillipo.

Anche quest’anno i visitatori potranno avvalersi delle guide d’eccezione degli Apprendisti Ciceroni del FAI, a Napoli e provincia i giovani studenti illustreranno i vari monumenti cittadini.

Giornate Fai di Primavera 2017 riserva tre sorprese

Nisida al tramonto, Napoli

Parco Letterario di Nisida, gli iscritti FAI avranno in esclusiva l’opportunità di visitare il parco letterario e i percorsi naturalistici di Nisida in compagnia degli Apprendisti Ciceroni e dei giovani del Penitenziario Minorile. Nisida è una piccola isola collegata alla terraferma da un lungo pontile carrozzabile. Normalmente non è visitabile in quanto ospita l’Istituto Penale Minorile di Napoli maschile e femminile, il Centro studi sulla criminalità minorile e altri servizi della giustizia minorile e pertiene al Ministero della Giustizia.

Apertura: Sabato 25 e Domenica 26, ore 9.30 – 16.30 ingresso esclusivo per gli iscritti Giornate FAI. Prenotazione obbligatoria.

Laboratori artistici di Vigliena, Napoli

Laboratori artistici di Vigliena, normalmente sono chiusi al pubblico. La famosa fabbrica di pomodori pelati di San Giovanni a Teduccio è stata parzialmente riconvertita e ristrutturata per accogliere i laboratori degli allestimenti scenici del Teatro San Carlo di Napoli. Gran parte dell’archivio storico sancarliano si trova oggi in questi depositi. Sabato 25 marzo ci sarà una mostra con le scenografie e i costumi di scena in corso d’opera per lo spettacolo Siroe Re di Persia e per il balletto Alice in wonderland. Sarà inoltre possibile assistere alle prove del coro giovanile dei Sancarlini, formato anche dai ragazzi di Scampia.

Apertura: Sabato 25, ore 9.30 – 18; Domenica 26, ore 9.30 – 14. Prenotazione obbligatoria.

Complesso di Sant’Andrea delle Dame, Napoli

Complesso di Sant’Andrea delle Dame, un’apertura straordinaria per questo complesso monastico che ospita il corso di laurea in Odontoiatria della Facoltà di Medicina della Seconda Università degli Studi di Napoli. Venne fondato verso la fine del Cinquecento da quattro nobildonne, figlie del notaio Andrea Palescandolo, le quali, presi i voti nel 1580, istituirono un convento dell’ordine agostiniano dedicato a Sant’Andrea, da allora chiamato delle Dame. La chiesa conserva affreschi di Belisario Corenzio e di Giacinto Diano e statue marmoree. Di notevole pregio è l’ampio e luminoso chiostro, con la facciata decorata da finte colonne e arcate dipinte dal fiammingo Pietro Mennes.

Apertura: Sabato 25 e Domenica 26, ore 9.30 – 18.

Per scoprire l’elenco completo delle aperture e tutte le informazioni sulle visite delle Giornate Fai 2017 a Napoli e provincia Clicca qui