L’associazione Vivere a Napoli ci propone sabato 15 settembre 2018 un’interessante escursione al tramonto alla scoperta del Sentiero di Capo Miseno, uno dei luoghi più suggestivi dei Campi Flegrei.



Il nostro viaggio avrà inizio dalla spiaggia ai piedi della collina di Capo Miseno, passando in mezzo a una vegetazione rigogliosa, masserie e numerosi ruderi di epoca romana si arriva alle peschiere di Lucullo, per poi arrivare alla famosa Grotta della Dragonara, una grande cisterna per la raccolta dell’acqua sorgiva completamente scavata nel tufo in età augustea , dotata di gallerie laterali che si intrecciano tra loro formando un suggestivo labirinto.

Faro Capo Miseno

Seguendo poi un sentiero lastricato di blocchetti di tufo raggiungeremo la cima di Capo Miseno (m 170) dominata dal suo vecchio faro, dove, grazie alla luce del tramonto, si presenterà un panorama mozzafiato che spazia dalle isole del Golfo di Napoli – Ischia, Procida e Capri – alla Penisola Sorrentina, dal Golfo di Pozzuoli al Vesuvio.

La passeggiata ci regalerà anche incontri inaspettati con uccelli stanziali o migratori mentre sulla sommità del promontorio si possono ancora vedere i resti delle installazioni contraeree risalenti all’ultima guerra mondiale.

Davvero una bella escursione che ci mostrerà, da una prospettiva diversa, uno dei luoghi più belli dei Campi Flegrei.

Curiosità – Virgilio racconta che il luogo, splendido e suggestivo, fosse stato eretto da Enea, come tumulo (Capo Miseno appunto) per commemorare Misenum, il suo trombettiere morto per aver avuto l’ardire di sfidare Tritone, figlio di Poseidone.

Escursione al tramonto sul Sentiero di Capo Miseno

Quando: sabato 15 settembre 2018 ore 17.30 (appuntamento alle ore 17.00)
Dove: Appuntamento mezz’ora prima in Via Dragonara, 22 presso il Beach Brothers Cafè
Durata: 3 ore
Difficoltà: Facile
Costo escursione: 15 euro
Prenotazione obbligatoria: Telefono Cell.:334.11.19.819 Claudia – E-mail: prenotazioni@viverenapoli.com

Punti critici – il percorso non presenta particolari difficoltà; in caso di piaggia si dovrà tuttavia prestare maggiore attenzione perché il fondo potrebbe diventare più insidioso. E’ possibile parcheggiare presso i vari parcheggi a pagamento della zona.