Ultima Modifica il 9 Giugno 2021

La Stazione Zoologica Anton Dohrn, nell’attuale Villa Comunale di Napoli, ospita l’Acquario più antico d’Europa ancora in attività.

Sin dalla sua inaugurazione l’Acquario di Napoli è stata un enorme vanto per la città, al pari dell’ Real Orto Botanico e dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte.



Storia dell’Acquario della Stazione Zoologica Anton Dohrn

L’acquario della Stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli (SZN) apre al pubblico nel lontano 1875 per volere del naturalista e zoologo tedesco Anton Dohrn. Per la progettazione venne dato incarico all’inglese all’inglese William Alford Lloyd, che aveva già elaborato gli acquari di Londra ed Amburgo.

Per garantirne l’indipendenza politica, economica e soprattutto libertà di ricerca, Dohrn introdusse un innovativo metodo di finanziamento – il “sistema Bench”. Grazie a una tariffa universitaria annuale, governi, istituzioni scientifiche, fondazioni private o singoli individui potevano mandare per un anno uno scienziato alla Stazione.

Stazione zoologica Anton Dohrn

Ancora oggi l’Acquario di Napoli e la Stazione zoologica sono tra i migliori centri di ricerca al mondo sulla biologia marina.

Rispetto ai grandi acquari europei ed americani, grandiosi e spettacolari, quello di Napoli è sobrio, quasi austero; le numerose vasche, allestiste con pietre vulcaniche naturali, sono illuminate in gran parte da luce naturale che proviene dall’alto; gli esemplari esposti provengono prevalentemente dal Golfo di Napoli.

Il primo piano ospita la biblioteca storica e la sala di lettura, sulle cui pareti è rappresentata la vita dei pescatori napoletani; gli affreschi sono del pittore tedesco Hans von Marées e dello scutore Adolf von Hildebrand.

Nel 2021, a pochi passi dalla sede storica di Villa Comunale, è stato aperto il Museo Darwin–Dohrn (DaDoM), un luogo interamente dedicato al mare e alla biodiversità del mare. Il progetto, fortemente voluto dalla Stazione Zoologica Anton Dohrn Napoli nasce da un accurato restyling della Casina del Boschetto, nota a molti come ex Circolo della Stampa.

Turtle Point della Stazione Anton Dohrn

Centro Ricerche Tartarughe Marine di Portici

La Stazione Zoologica Anton Dohrn ha recentemente inaugurato una nuova sede all’interno del ex-macello comunale di Portici. L’erede del Turtle Point di Bagnoli chiuso nel 2014.

Il nuovo Centro Ricerche Tartarughe Marine e Osservatorio del Golfo di Napoli (Porto del Granatello, 80055 Portici), ospita laboratori avanzati per le analisi ambientali, un ambulatorio con sala chirurgica e radiologica per le tartarughe marine, oltre ad una ricca esposizione didattica.

Con questo nuovo progetto la Stazione Zoologica Anton Dohrn, vuole promuovere e sviluppare la ricerca scientifica per la tutela della risorsa mare ed essere strumento esecutivo e di servizio per le Istituzioni, la Scuola, la Pubblica Amministrazione.

Informazioni Utili

Indirizzo: Villa Comunale, 1 (Napoli)
Contatti: Tel 081 583 3111 E-mail stazione.zoologica@szn.it

Dal 9 giugno 2021 l’Acquario di Napoli è visitabile tutti i giorni dal Lunedì alla Domenica, con i seguenti gli orari:

  • lunedì-venerdì, dalle 10 alle ore 18.15 (ultimo ingresso ore 17.30)
  • sabato e domenica, dalle  10 alle 19.45 (ultimo ingresso ore 19.00)

Costo dei biglietti di ingresso:

  • Intero € 7,00 (a partire dai 12 anni compiuti)
  • Ridotto € 5,00 (valido dai 4 a 12 anni compiuti; per accompagnatori disabili, over 70, studenti universitari con tessera)
  • Ingresso gratuito per i bambini al di sotto dei 4 anni

Come arrivare: L’Aquarium della Stazione Zoologica Anton Dohrn è all’interno della Villa Comunale a Napoli. vi si può accedere da: Piazza Vittoria, Riviera di Chiaia e via Caracciolo. La fermata della metro più vicina è Piazza Amedeo Linea 2.