Il vino con le percoche, per qualcuno è la Sangria Napoletana, per me è il ricordo di mio padre che tagliava i pezzi di frutta e li faceva cadere ritmicamente nella caraffa già colma di vino. La stessa che avrebbe poi tirato fuori poche ore dopo in occasione della cena estiva.

In estate, in campania, ma anche in molte altre regioni del grande sud italiano, v’e’ l’usanza di tagliare a pezzi le percoche gialle e tuffarle nel vino…

A Napoli, il vino con le pesche è un classico fine pasto estivo partenopeo basta avere delle percoche ben mature e affogarle nel vino con maestria. La preparazione prevede una serie di varianti legate al tipo di vino da utilizzare: rosso, bianco, frizzante… l’unico must è che sia ghiacciato. Per me la morte sua è con il vino bianco.

Percoche con il vino

La ricetta è assolutamente stagionale in quanto con l’eccezione delle varietà tardive, la pesca percoca, è un frutto ampiamente disponibile dalla fine di luglio a settembre.

Vino con le percoche, l’aperitivo fai da te

Ingredienti – Percoche, Vino bianco o rosso
Utilizzare solo questi due ingredienti nelle quantità che desiderate, non aggiungere zucchero o altro dolcificante!

Preparazione – Lavate e pelate le percoche. Riempite una bella brocca capiente del vino e fateci cadere dentro le percoche mano a mano che le tagliate a pezzi grossi e rigorosamente irregolari. Mettete in frigo per un’oretta o anche di più e servite sempre molto bello fresco. Il segreto di questa ricetta sta nel disporre di pesche mature, ma belle sode e saporite e nel taglio irregolare.

La percoca, dal napoletano percuoco, è una pesca gialla tradizionale del sud Italia che i napoletani ben conoscono ma non è così popolare in tutta la penisola. Esistono diverse varietà facilmente reperibili da Luglio a Settembre poi a fine stagione matura la varieta’ tardiva detta “col pizzo”.