Sull’isolotto di Megaride (primo insediamento di Napoli) troviamo il più antico castello di Napoli Castel dell’Ovo, una cittadella fortificata costruita sulla villa di Lucullo (patrizio romanano del Imo secolo a.C), poi ampliata dai Normanni e dagli Angioini.

Il Castel dell’Ovo sorge imponente sull’antico Isolotto di Megaride al quale si accede attraverso un breve ponte che lo collega alla bella passeggiata a mare di Napoli, via Partenope, dal nome della leggendaria sirena simbolo di Napoli! Su questa piccola isola sbarcarono gli abitanti di Cuma, verso la metà del VII secolo a.C. e poi di fronte, sul Monte Echia, fondarono il primo nucleo abitato di Partenope.

Una bizzarra leggenda farebbe risalire il suo nome all’uovo che Virgilio avrebbe nascosto all’interno di una gabbia nei sotterranei del castello. Il luogo ove era conservato l’uovo, fu chiuso da pesanti serrature e tenuto segreto poichè da “quell’ovo pendevano tutti li facti e la fortuna dil Castel Marino”. Da quel momento il destino del Castello, unitamente a quello dell’intera città di Napoli, è stato legato a quello dell’uovo. L’uovo, comunque non è mai stato trovato.

Con le sue torri e torrette, con l’arcone che unisce le due parti dell’isolotto di Megaride e le mille finestre che occhieggiano dalle sue pareti, Castel dell’Ovo sembra davvero una cittadella fatata.

La posizione del Castel dell’Ovo, un tempo importante per motivi militari, è oggi importante per ben altre ragioni: il turista in visita potrà ammirare il paesaggio circostante e l’intero Golfo salendo sul punto più alto del castello, la Terrazza dei cannoni, dal quale potrà ammirare l’intero Golfo di Napoli godendo di scorci davvero molto suggestivi. Non dimenticate di guardare l’orientamento delle punte dei suoi cannoni: puntano sulla città. Elemento quest’ultimo fondamentale, se si vuole capire il carattere non proprio pacifico del popolo partenopeo, che qualche volta è stato tenuto buono dai regnanti solo, come si suol dire, “sotto le cannonate”.

Oggi il Castello è adibito a convegni e cerimonie d’alto livello. La passeggiata all’interno é molto suggestiva, con scorci panoramici sul lungomare inquadrati da elementi architettonici molto interessanti. Possono essere visitate le due torri, denominate Normandia e Maestra, i resti della Chiesa di San Salvatore, una sala gotica coperta a volte, il cosiddetto carcere della regina Giovanna ed il grande terrazzo panoramico con i cannoni spagnoli rivolti verso la città. Cannoni che furono usati per sparare sulla folla durante la rivolta di Masaniello.

Castel dell’Ovo

Indirizzo: Via Eldorado, 3, 80132 Napoli, Italia
Orari: Lunedì / Sabato dalle 8.00 alle 19,15. Domenica e festivi dalle 8,00 alle 13,45.