Per la sua posizione un po defilata su via Medina la Chiesa di Santa Maria Incoronata passa un pò inosservata sopratutto perché è sottoposta al livello stradale a causa dei lavori cinquecenteschi che interessarono il vicino castello Maschio Angioino.

A volere l’edificazione fu Giovanna I d’Angiò che, dopo aver riconquistato il Regno, rientrò in città con il consorte Luigi di Taranto. La chiesta fu costruita nel 1352 su quello che era il Tribunale Regio durante il regno di Roberto d’Angiò. Di tale precedente costruzione oggi possiamo ammirare la navata principale ed il portico esterno, mentre la navata minore fu aggiunta seguito alla trasformazione dell’edificio.

Santa Maria Incoronata Via Medina

La Chiesa, in realtà, non ha sempre avuto lo stesso nome che ha oggi: fu prima Santa Maria Spina Corona, Santa Maria Coronata in seguito e infine Santa Maria Incoronata.

La storia ci racconta che Giovanna D’Angiò, per conferire un maggior prestigio alla Chiesa, decise di donarle una spina della Corona di Cristo, ricevuta dal Re Carlo V di Francia e custodita precedentemente nella Saint-Chappelle di Parigi.

Fu proprio in seguito a questo dono che si sviluppò quello che era chiamato il culto della Spina Corona. A Pasqua, nel giorno del Venerdì Santo e della Pentecoste, i devoti si recavano nella chiesa per adorare quelle che erano le sacre reliquie. Sacre reliquie che, ahimè, sono andate perdute… non si sa quando e non si sa come!

A partire dal 1378, la struttura fu affidata all’ordine dei Certosini di San Martino e, durante quel periodo, fu utilizzata per le cerimonie e le incoronazioni degli Angioini e degli Aragonesi.

Chiesa Santa Maria Incoronata

L’edificio religioso, grazie ad un accurato restauro lo ha riportato alle forme originali, liberandolo anche delle abitazioni che gli si erano nel frattempo addossate, è stato riaperto al pubblico.

A sinistra dell’altare maggiore c’è la “Cappella del Crocifisso”, nella trecentesca chiesa dell’Incoronata, un tempo affrescata con opere di inizio quattrocento i cui frammenti sono esposti, su pannelli, nella navata maggiore. Mentre sulle parete della navata minore si possono scorgere alcune lastre tombali datate tra XIV e XVI secolo.

Chiesa di Santa Maria Incoronata

Indirizzo: Via Medina, 54, 80133 Napoli
Orari di apertura: Dal lunedì al sabato fino alle 14:30, Domenica chiuso
Costi: L’ingresso alla chiesa è gratuito