Napoli è una città ricca di chiese, gotiche o barocche, imponenti o minute, una tra queste è la Chiesa di Sant’Anna dei Lombardi, in Piazza Monteoliveto, un luogo misterioso tutto da scoprire!

La chiesa partenopea è famosa per la splendida sagrestia affrescata da Giorgio Vasari.



Ipogeo di Sant’Anna dei Lombardi, un tesoro restituito alla città

Il mese di dicembre ha portato la riapertura al pubblico dell’ipogeo, Cripta degli Abati, del Complesso Monumentale. A restituire alla città questo tesoro nascosto si è impegnato il Comitato di Gestione delle Arciconfraternite Commissariate, presieduto dal Sacerdote Salvatore Fratellanza.

Alla Cripta degli Abati, un ambiente ellittico posto al di sotto del coro della chiesa, vi si accede attraverso una bella scala a doppia rampa. Nella Cripta si scoprono teschi decorati da paramenti ecclesiastici.

Ipogeo Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi

La visita all’ipogeo di Sant’Anna dei Lombardi permette di ammirare il putridarium, la struttura in pietra un tempo utilizzata per il processo di scolatura dei liquidi corporali.

Sopra i sedili sono state ritrovate anche teche con i resti mortali di personaggi illustri. Sulle volte sono ancora visibili affascinanti affreschi raffiguranti una foresta sacra e la scena del calvario.

Diverse fonti suggeriscono che nella Cripta degli Abati siano conservate le spoglie del marchese Bernardo Tanucci; uomo di fiducia del re di Napoli Carlo di Borbone e di suo figlio Ferdinando IV. I resti mortali del marchese sono conservati all’interno della terrasanta, seconda cavità, posta al di sotto del primo, e non ancora visitabile.

Sant’Anna dei Lombardi, una storia particolare

La bellissima chiesa di Sant’Anna dei Lombardi in realtà è stata conosciuta per la maggior parte della sua storia con il nome di Santa Maria di Monteoliveto. Questo perché in principio la struttura era un monastero benedettino olivetano, fondato nel 1411 da Gurello Origlia. Il nome cambiò agli inizi del 1800 quando fu acquisita all’Arciconfraternita dei Lombardi, da cui la chiesa ha preso il nome.

Concerto dell Immacolata a Sant Anna dei Lombardi

La chiesa, dalla facciata quasi anonima e in una posizione defilata rispetto alle rotte canoniche dei turisti, nasconde moltissime sorprese. Un vero e proprio paese delle meraviglie artistiche ed architettoniche.

La Chiesa di Sant’Anna dei Lombardi ha una pianta tipicamente fiorentina, lungo la quale si allineano cinque cappelle laterali, più altre tre nel presbiterio. Interessanti quella Correale e quella dei Piccolomini (antica famiglia fiorentina), copia di una cappella presente nella celeberrima chiesa di San Miniato al Monte a Firenze. Imponente è l’organo quattrocentesco decorato nel ‘700 dal napoletano Alessandro Fabbro.

Di particolare interesse è la sacrestia Vecchia, già refettorio del monastero. Un splendido ambiente con volte a crociera stuccate e decorate nel 1545 dal Vasari con l’aiuto di Raffaellino del Colle. I tre quadranti mettono in mostra affreschi allegorici dedicati all’Eternità, alla Fede e alla Religione.

Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi

Nella chiesa, oltre alle tombe di nobili napoletani e di altri artisti come Francesco Solimena, è presente la tomba del famosissimo architetto Domenico Fontana. Mentre nel vasto oratorio che si apre a destra del presbiterio si trova il complesso scultoreo del Compianto sul Cristo morto di Guido Mazzoni (1492). E’ formato da otto statue a grandezza naturale, le quali secondo la tradizione rappresenterebbero proprio i sovrani aragonesi.

Informazioni Utili

Indirizzo: Piazza Monteoliveto, 4 – Napoli

Le visite guidate alla chiesa di S. Anna dei Lombardi con la sagrestia del Vasari e la cripta degli Abati sono curate dalla Cooperativa ParteNeapolis.
Quando: dal lunedì al sabato dalle 9:30 alle 18:30, la domenica solo su prenotazione per gruppi;
Prezzi: Intero 5 euro, ridotto 3 euro;
Contatti: Tel. 0814420039 – 3203512220 – info@santannadeilombardi.it