Lungo il millenario decumano inferiore (Spaccanapoli per il mondo) scopriamo l’antico Palazzo Venezia. Si trova esattamente al numero 19 di Via Benedetto Croce, uno dei sette nomi di Spaccanapoli, a pochi metri dalla prestigiosa Chiesa di Santa Chiara e da Piazza del Gesù Nuovo.



Palazzo Venezia sorprende non solo i turisti ma anche gli stessi napoletani che, attratti dalle note che spesso provengono dall’interno, scoprono  un palazzo storico unico nel suo genere.

Il palazzo, che è stato per circa quattrocento anni la sede dell’ambasciata veneta a Napoli, non solo è ricco di fascino ma anche di tante attività rivolte ai bambini. All’interno, all’altezza del primo e secondo piano una sorpresa toglie letteralmente il fiato. Un giardino pensile nel cuore di Napoli che in primavera diviene protagonista di un’esplosione dirompente di glicini che non può che colpirci.

Palazzo Venezia Casina Pompeiana

Di particolare interesse è il giardino pensile con la casetta pompeiana in cui si tengono i concerti. Gli stessi giardini ospitano anche una piccola cappella denominata “Grotta della Madonnina”.

Le innumerevoli vicende storiche che scandirono la vita dell’edificio, di origine trecentesca, sono tutte ricordate nella lapide a destra della scala che affaccia nel cortile interno e che conduce al primo piano.

La storia di Palazzo Venezia

Il Palazzo Venezia, costruito alla fine del 1300, venne confiscato nel 1412 da re Ladislao il Magnanimo, e quindi donato alla Serenissima Repubblica di Venezia come sede napoletana di consoli generali e di ambasciatori veneti. Da quell’anno i consoli della Serenissima soggiornarono a Napoli sempre in questo edificio sino alla caduta della Repubblica. Dopo il Trattato di Campoformio si è trovato in mani austriache e poi, nella seconda decade dell’800, venduto al giurista Gaspare Capone.

Palazzo Venezia Napoli Cortile

Il noto mecenate napoletano ordinò una serie di modifica al fine di modernizzare il palazzo con le tendenze artistiche in voga in quel periodo, l’esempio più visibile è la Casina Pompeiana di stile neoclassico che fu costruito sull’onda del clamore degli scavi di Pompei ed Ercolano ma di fatto adibita a coffe-house e camera per concerti data l’ottima acustica. Lo stesso barone fece pure dipingere lo stemma del proprio casato sulla volta dell’androne.

Il palazzo di Venezia deve però aspettare l’arrivo di Gennaro Buccino, presidente dell’associazione l’Incanto, per tornare al suo iniziale splendore, ospitando mostre di arte moderna e contemporanea, presentazioni di libri, incontri di poesia, spettacoli di danza e concerti.

Le sale espositive si articolano dal piano terra con l’ampia e antica Sala delle Carrozze, fino ad arrivare alle stanze del primo piano: la sala che affaccia sulla splendida terrazza e la sala della Cappella affrescata.

La suggestiva location di Palazzo Venezia, ospita regolarmente Quartieri Jazz, il gruppo musicale capeggiato da Mario Romano.

Palazzo Venezia eventi a Napoli

Al di là delle numerose attività è anche possibile usufruire degli spazi di Palazzo Venezia, come il giardino o la mirabile terrazza con balaustra, anche semplicemente come caffetteria o godere dell’atmosfera di oasi di pace nel cuore di Napoli.

L’Associazione culturale PA.VE, che opera negli ambienti del palazzo, organizza corsi di Mandolino, antico strumento della tradizione napoletana, di chitarra, di pittura e corsi di danza. Interessanti le lezioni di “napoletanità” a cura dell’associazione di promozione sociale “I LAZZARI”.

Informazioni su Palazzo Venezia

Indirizzo: Via Benedetto Croce, 19, 80134 Napoli
Sito web ufficiale: http://www.palazzovenezianapoli.com/

Come arrivare

Metropolitana Linea 1, stazione Dante, percorrere a piedi Portalba, via San Sebastiano e svoltare a sinistra su via Bendedetto Croce (durata percorso: 5 minuti).
Metropolitana Linea 2, stazione Montesanto, percorrere a piedi via Portamedina, via Fornovecchio, via Domenico Capitelli, attraversare piazza del Gesù e proseguire su via Benedetto Croce (durata percorso: 7 minuti circa).