Il porto di Napoli, uno dei più importanti d’Europa, cela alcune sorprese, una di queste è la settecentesca palazzina rococò dell’Immacolatella.

La suggestiva palazzina di colore rosso pompeiano è strettamente legata all’evoluzione dell’area compresa tra le attuali vie De Gasperi, Cristoforo Colombo e Nuova Marina.



Grazie al progetto Waterfront, che prevede la riqualificazione del porto partenopeo, l’edificio dell’Immacolatella Vecchia diverrà area museale e polo di ricerca sull’Economia del Mare. Scopri la storia del Porto di Napoli.

L’edificio fu voluto da re Carlo di Borbone in occasione della risistemazione della zona portuale, nello spazio che si estendeva tra il molo maggiore e il castello del Carmine (oggi scomparso). Il Palazzo viene realizzato intorno al 1740 su progetto dell’architetto Domenico Antonio Vaccaro.

Immacolatella, l’edificio della Deputazione alla Salute

Immacolatella, Deputazione alla Salute Napoli

Il settecentesco Palazzo dell’Immacolatella era parte integrate di un vasto progetto di ampliamento del porto iniziato con l’arrivo di Borbone; fu prima destinato ad ospitare la Deputazione della Salute (controllo sanitario degli animali scaricati dalle imbarcazioni), mentre alla fine dell’800 fu destinato a Stazione Marittima.

L’antico edificio della Immacolatella vecchia ha visto nella sua lunga storia tutto il dramma dell’emigrazione italiana. È da qui che, tra fine Ottocento e inizio Novecento oltre due milioni di emigranti del Mezzogiorno d’Italia partirono alla volta delle Americhe; oggi, invece, qui attraccano le navi che collegano il porto partenopeo con varie mete del mediterraneo.

Il nome gli viene dalla statua della Vergine (di piccole dimensioni, da cui Immacolatella) che svetta alla sommità; la statua è opera dello scultore Francesco Pagano, il quale ha scolpito anche i simboli mariani presenti sulla facciata.

All’esterno dell’edificio due lapidi ricordano i 101 marinai e portuali periti in seguito all’affondamento, nel porto di Napoli, dell’incrociatore Attendolo (1942).

Napoli Palazzo dell'Immacolatella - Autore ignoto Napoli Palazzo dell’Immacolatella – Autore ignoto

In origine l’Immacolatella era collegato alla terraferma da due ponti che salivano dal molo grande e dal bacino Mandracchio.

Con i lavori intrapresi dopo il risanamento ed i bombardamenti che seguirono alla seconda guerra mondiale, la palazzina si è trovata circondata non più dal mare ma dalla terra ferma.

Oggi è inglobata nella nuova colmata della calata Porta di Massa ed è direttamente collegato, in una linea ideale, alla chiesa di Santa Maria Portosalvo in cui i pescatori e i migranti pregavano prima di imbarcarsi.

Curiosità

Fino agli anni ’70 del novecento, ogni 30 giugno, da qui partiva una processione in onore di Santa Maria di Porto Salvo.

Per un breve periodo del XIX secolo il Palazzo è stato abbellito con la fontana del Gigante, nota anche come fontana dell’Immacolatella proprio per questa sua collocazione. Si trova in Via Partenope nei pressi del Castel dell’Ovo, e del Borgo Antico di Santa Lucia.