Pozzuoli, la città più importante dei Campi Flegrei, era in origine uno scalo commerciale cumano e ai tempi dei romani divenne il maggior porto d’Italia. Oggi è un rinomato centro gastronomico per la presenza di numerosi ristoranti che preparano specialità di mare; il porto di Pozzuoli ha collegamenti regolari con le isole di Ischia e Procida.

Questa bellissima città di mare, tra Posillipo e Misero, ha origini antichissime, basti pensare che le prime testimonianze ci arrivano dagli antichi Romani, i quali la denominarono Puteoli. Una delle attrattive maggiori di Pozzuoli è il suo vulcano – La Solfatara, che a differenza di un comune vulcano, si presenta agli occhi dei visitatori come un lago di fango che emette vapori dall’odore poco gradevole, ma molto benefici per la salute.

Le eruzioni più antiche, che hanno modellato l’aspetto affascinante di quest’area, risalgono ad oltre 35.000 anni; la più recente, quella del 1538, ha dato origine al Monte Nuovo, il più giovane vulcano d’ Europa.

Pozzuoli prosperò arroccata sul promontorio del Rione Terra, con il comodo porto e il fertilissimo retroterra, dalla sua fondazione fino agli inizi del V secolo d.C., quando la sua importanza declinò seguito alla crisi generale dell’impero, ma anche del bradisismo discendente che sommerse inesorabilmente le sue opere portuali.

Rione Terra Pozzuoli

La rinascita di Pozzuoli, dopo anni di abbandono e degrado seguiti dalla drammatica crisi di bradisismo del 1983-84, è passata dal pieno recupero e l’eccezionale patrimonio storico, archeologico e artistico.  Laghi, insenature, promontori, isole, scogli, colline, solfatare e terme rendono questa terra, tormentata e ammaliante.

Quando si parla di Pozzuoli però bisogna comprendere che parliamo di una vasta area che comprende più locali, tutte di grande interesse come Baia, Bacoli, Monte di Procida, Miseno e così via.

Vediamo dunque cosa possiamo visitare a Pozzuoli e dintorni:

  • Solfatara: rappresenta uno dei 40 vulcani presenti nella zona flegrea e si trova a circa 3km dal centro di Pozzuoli. Si tratta di un vulcano attivo che è possibile visitare seguendo il perimetro del cratere.
  • Anfiteatro Flavio: rappresenta il terzo anfiteatro dopo il Colosseo e L’Arena di Verona e un tempo veniva utilizzato anche per battaglie navali. Si trova nei pressi del centro di pozzuoli.
  • Tempio di Serapide: si tratta di alcuni resti archeologici che possiamo ammirare in pieno centro a Pozzuoli. Rappresenta i resti di un mercato pubblico che però inizialmente furono scambiati per quelli di un tempio dedicato al Dio Serapide a causa di una scultura di quest’ultimo che fu rinvenuta con gli scavi.
  • L’Antro della sibilla: si trova nella zona di Cuma e rappresenta il luogo dove la Sibilla Cumana operava e divulgava i suoi oracoli.
  • Casina Vanvitelliana: si trova nella zona del fusaro ed è una suggestiva casina che i trova in mezzo al lago fusaro e che è raggiungibile tramite un ponte. La Casina Vanvitelliana è stata protagonista diverse volte in alcune pellicole cinematografiche.
  • Lago D’Averno: il Lago d’Averno è legato alla mitologia greca difatti nell’Eneide viene indicato come il luogo attraverso il quale Enea è entrato negli inferi. In effetti dunque veniva considerato come l’ingresso dell’Ade.

Queste sono le principali attrazioni presenti a Pozzuoli e zone limitrofe ma in realtà l’area è molto ampia e di cose da vedere ce ne sono davvero molte.

Come arrivare a Pozzuoli

Metropolitana: Linea  Cumana e Linea 2 Metropolitana
Bus: Linea n. 152 da Piazza Garibaldi- Stazione Centrale